Trevisopress

Lunedì
26 Giugno
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

TREVISO. Politica e sicurezza

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

alt5 AGOSTO 2016. L'aggressione della scorsa notte da parte di un gruppo di neofascisti tra i tavoli dei locali di porta Santi Quaranta ripropone per l'ennesima volta il vero problema di sicurezza a Treviso quello costituito dalle violenze neofasciste ed è la conferma che si tratta di un problema da affrontare urgentemente e di cui Prefetto e Questore devono farsi carico.  Ritengo, ancora una volta, che sia importante che il Sindaco si faccia portavoce presso il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza della necessità di affrontare il problema e di rafforzare le iniziative di prevenzione e di investigazione utili all'individuazione dei responsabili di quelli che sono già accaduti. È chiaro che la sconfitta elettorale della Lega a Treviso e la perdurante irrilevanza politica delle formazioni di estrema destra, infatti, hanno contribuito all'intensificarsi delle aggressioni negli ultimi anni. Una città viva ha bisogno che chiunque, donna o uomo, italiano o straniero, di sinistra o di destra, possa attraversarla di giorno come di notte senza correre il rischio di essere aggredito e picchiato. (Luigi Calesso - Impegno Civile)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube