Trevisopress

Domenica
17 Dicembre
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

REGIONE. Caccia. Il Consiglio vota la depenalizzazione degli illeciti penali.

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

alt4 OTTOBRE 2016.  “Depenalizzare i reati venatori significa fare un regalo ai bracconieri da un lato ed eliminare ogni vincolo per chi, soprattutto se facoltoso, si può permettere di pagare le sanzioni amministrative monetizzando pertanto gli atti di bracconaggio”. I Consiglieri Pd Andrea Zanoni, Francesca Zottis (Pd) e Cristina Guarda (Lista Moretti) intervengono sul progetto di legge statale  n. 17 “Modifiche alla legge 11 febbraio 1992, n. 157, recante "Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio", in materia di depenalizzazione degli illeciti penali approvato oggi dalla Terza commissione del Consiglio regionale con il voto favorevole di Lista Zaia, Lega Nord, Fratelli d’Italia, Fare per Tosi, e quello contrario del Partito Democratico, Alessandra Moretti Presidente e M5S. “Si tratta della depenalizzazione dei reati venatori, introdotti circa un quarto di secolo fa con la legge 157 del 1992”, spiegano i consiglieri Zanoni, Zottis e Guarda, grazie ai quali c’è stato un importante effetto deterrente contro il bracconaggio che ha portato il nostro paese a tutelare maggiormente la fauna selvatica patrimonio dell’intera Unione Europea. Fortunatamente si tratta solo di un progetto di legge statale che non avrà nessun futuro ma sarà usato dal consigliere Berlato come specchietto per le allodole per i cacciatori, quelli più creduloni e disinformati.”

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube