Trevisopress

Domenica
20 Maggio
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

TREVISO. Metodo naturale per la fertilità. Protocollo tra Ulss 2 e Centro Famiglia

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

altGIOVEDì 14 SET 17 -  Un protocollo per unire e condividere il rispettivo impegno nella ricerca sui temi dell’infertilità umana. E’ quello firmato oggi a Treviso dall’Azienda Ulss 2 Marca Trevigiana, rappresentata dal Direttore generale Francesco Benazzi, e dal Centro della Famiglia, col presidente prof. don Francesco Pesce. La collaborazione mira soprattutto ad approfondire gli aspetti e le prospettive delle metodiche di Fertilità Naturale (FN) che, nei casi di coppie in cui è esclusa l’infertilità assoluta, offrono buoni margini di successo. Alla firma erano presenti anche il dr. Luigi Maccatrozzo con il dr. Enrico Busato, primario di Ginecologia e Ostetricia del Ca’ Foncello e il prof. don Mario Cusinato, responsabile della ricerca della Fondazione. Sono 660 nell’Azienda ulss 2 Marca Trevigiana le coppie che l’anno scorso si sono affidate ai Centri di Procreazione medicalmente assistita di Oderzo e Conegliano, due strutture storiche nel panorama nazionale.  La ricerca che vede insieme l’azienda sanitaria trevigiana e il Centro della Famiglia, potrebbe aggiungere una ulteriore opportunità alle coppie con difficoltà a concepire naturalmente ma che non soffrono di infertilità assoluta. In questo caso, infatti, si evidenziano buoni risultati con le metodiche di Fertilità Naturale (FN). Una prospettiva che merita attenzione a fronte di una crescita delle difficoltà di procreazione che ha raggiunto il 20% delle coppie, una diminuzione generale della natalità del 18% e l’attestarsi dell’età media della prima maternità a 31,7 anni.

“I numeri dell’infertilità sono indubbiamente in crescita e oggi sono circa 20 su 100 le coppie che riscontrano problemi nel procreare – ha detto il dr. Enrico Busato, primario ginecologo -. Il fenomeno dipende alla pari da fattori maschili e femminili. Se, ovviamente, escludiamo i casi d’infertilità assoluta, meritano considerazione anche le metodiche di Fertilità naturale, basate sulla consapevolezza da parte della coppia delle loro giuste potenzialità procreative. Questo richiede di sostenere gli aspiranti genitori a livello relazionale e sembra, secondo uno studio tedesco, che dalle metodiche di fertilità naturale si possano ottenere successi fino al 38% dei casi. La procreazione assistita, dal canto suo, con l’approccio laboratoristico e strumentale ne consegue il 26%”.

alt“L’obiettivo della ricerca oggetto del Protocollo - spiega don Francesco Pesce presidente del Centro della Famiglia - è di ottenere informazioni per organizzare un servizio stabile per le coppie con difficoltà a concepire naturalmente. L’intento è anche di abbassare drasticamente i costi economici da parte dell’ente erogatore del servizio e di promuovere uno stile di de-medicalizzazione per cui la coppia, sostenuta a livello relazionale, può con più serenità coltivare il progetto di famiglia, salvaguardando la propria intimità relazionale. Sulle medesime tematiche il Centro della famiglia ha anche un protocollo d’intesa con l’Istituto scientifico internazionale (ISI) presso il Policlinico Gemelli di Roma”.

“A livello aziendale il sostegno alle coppie con difficoltà a concepire è un impegno primario; sono 260 le coppie che in un anno vengono seguite dal centro PMA di Oderzo (210 cicli di secondo livello e 50 di primo) e 400 da quello di Conegliano (230 cicli di secondo livello e 170 di primo). Il contesto è molto complesso e determinato da fattori non solo clinici ma anche psicologici o sociali – aggiunge il Direttore generale Benazzi -. Questo progetto mira a offrire un’ulteriore possibilità a queste coppie, integrando l’offerta di servizi di cui già può fruire il cittadino con un accompagnamento alle metodiche di Fertilità naturale.  Metodiche che, quando sono sufficienti, consentono di coltivare un progetto di famiglia abbassando notevolmente il ricorso a tecniche e interventi di laboratorio, spesso invasivi per la coppia”. (CS n.219/2017)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube