Trevisopress

Venerdì
17 Novembre
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

CASTELLO DI GODEGO. L'omelia del parroco su Anna Frank

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

alt31 OTTOBRE 2017. Anne Frank…dal disprezzo dello stadio agli altari della chiesa di Castello di Godego: “perché lei ha vinto, noi abbiamo perso”. L’ha “portata” don Gerardo Giacometti parroco di Castello di Godego prendendo proprio spunto dai deplorevoli fatti di Roma dei giorni scorsi resi attualissimi anche da analoghi disgraziati episodi successi in queste ore in Germania sempre in ambito sportivo e sempre con Anne Frank quale soggetto da colpire. “Con quella maglietta addosso Anne Frank ha giocato una partita che mai avrebbe pensato- ha spiegato nell’omelia- qualcuno l’ha fatta scendere in campo pensando di servirsene per ridicolizzare l’avversario…”. Poi don Gerardo spiega: ”Ma lei ha vinto perché quella maglietta non riesce a imprigionarla, la sua statura è più grande di qualsiasi becera tifoseria ed il suo diario ci porta in un campo dove non solo una squadra ma tutta l’umanità ha un appuntamento più grande di quello sportivo: appuntamento con la vita e con la morte, con la cattiveria e la devastazione….lei ha vinto noi abbiamo perso. Hanno perso i dirigenti che credono sia una sceneggiata, i ragazzi tristemente coinvolti. Ha perso lo sport che ha smarrito il senso del limite. Abbiamo bisogno di ritrovare il senso di quello che stiamo facendo, l’essenziale, ciò che ci regge come uomini e come donne e non travisa il nostro volto”. Poi il parroco ha inserito questa pagina oscura che ci propina l’attualità con il vangelo che indica una via e cioè viene chiesto a Gesù quale sia il più grande comandamento: ”La prima risposta di Gesù è ama…Ma quell’amore fatto di testa di cuore e di forze…”. Poi quasi portando a confronto lo sfregio fatto ad Anne Frank con quello che viene fatto giornalmente a tante donne il parroco si chiede:” Perché oggi ci confrontiamo con numerosi episodi di violenza sulle donne che ci inquietano? Perché l’amore è travisato, fin dall’adolescenza…”. Quindi il parroco ha concluso:” Il grande comandamento che ci consegna Gesù è diventare uomini veri e uomini liberi e Gesù nell’amore ci indica la strada”. Gabriele Zanchin

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube