Trevisopress

Sabato
16 Dicembre
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

GIRO. Il 18 maggio 2018 tappa a Nervesa

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

alt6 DICEMBRE 2017. Il prossimo anno a Gerusalemme, il saluto benaugurante del popolo ebraico. Il prossimo anno a…Nervesa della Battaglia, il saluto benaugurante degli sportivi del ciclismo locali. Infatti il Giro d’Italia 2018 numero 101 partirà da Gerusalemme il 4 maggio prossimo e poi nel suo peregrinare lungo la penisola farà tappa anche in Veneto proprio a Nervesa della Nattaglia venerdì 18 maggio tappa Ferrara-nervesa di 180 km. Così il Giro, il ciclismo, lo sport in generale rendono omaggio alla città del Piave proprio nel centenario della fine della Grande Guerra. Una tappa importante perché darà il via all’ultima settimana di corsa con la scalata del Zoncolan ce ritorna dopo 4 anni al Giro e poi più in là il Col delle Finestre, cima Coppi. Il Giro d’Italia numero 101 è stato presentato a Milano alla presenza di tutte le autorità sportive nazionali, alla presenza anche di Nibali, Aru, Dumoulin (ultimo vincitore) ed anche Froome che ha detto si alla sua partecpazione alla corsa Rosa. Un Giro molto particolare perché per la prima volta la partenza è prevista fuori dal continente europeo e cioè in Israele e precisamente a Gerusalemme. E per dare ancor più forza ai simbolismi questa edizione della corsa rosa terminerà a Roma, un abbraccio ideale tra le due città cariche di spiritualità ma per certi versi anche… una “crociata” al contrario… 3546 km totali, otto arrivi in salita, 44,2 km a cronometro, 39 gran premi della montagna, 44 mila metri di dislivello, tre settimane di corsa e tre giornate di riposo. La partenza è prevista a Gerusalemme con una cronometro il 4 maggio di 10 km, quindi la 1 tappa Haifa-Tel Aviv di 167 km e laa 3° tappa Be’er Sheva-Eilat di 229 km attraverso il deserto del Negev. Poi l’arrivo in Italia con tre tappe in Sicilia e poi dalla Calaria la risalita al nord e la conclusione a Roma. Insomma un “Girotondo” intorno al mondo del ciclismo senza frontiere, senza confini. Gabriele Zanchin

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube