Trevisopress

Sabato
22 Settembre
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

TREVISO. Domani Fondazione Benetton presenta la ricerca Urbs Picta

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

alt9 APRILE 2018. Sarà presentata, a ingresso libero, mercoledì 11 aprile alle ore 18, nell’auditorium degli spazi Bomben di Treviso, la banca dati online trevisourbspicta.fbsr.it, navigabile da smartphone, creata nell’ambito della ricerca della Fondazione Benetton Studi Ricerche Treviso urbs picta. Con l’architetto Rossella Riscica e la storica dell’arte Chiara Voltarel, principali ricercatrici del progetto, ne parleranno Andrea Mancuso, responsabile della realizzazione della banca dati, il geografo storico Massimo Rossi, e la storica dell’arte Anna Maria Spiazzi. Parteciperanno, oltre a Marco Tamaro, direttore, e Patrizia Boschiero, responsabile delle edizioni della Fondazione, il coeditore Antiga e altri membri del gruppo di lavoro multidisciplinare. Treviso fin dal XIII secolo vantava numerosissime facciate affrescate che si sono conservate in buone condizioni o protette da intonaci più recenti, fino alla metà del secolo scorso. Un patrimonio oggi purtroppo in gran parte perduto a causa, prima, dei bombardamenti del 1944 e, poi, dell’inquinamento e dell’incuria che ne hanno provocato un repentino degrado.

Ora si potrà scoprire non solo quello che è rimasto ma anche quello che non c’è più. La banca dati conserva, di edifici esistenti ma anche di quelli esistiti, tutte le informazioni raccolte sulle testimonianze pittoriche all’interno della cerchia muraria della città, messe insieme attraverso sopraluoghi sul campo, ricerche bibliografiche e archivistiche e un’accurata campagna fotografica realizzata da Arcangelo Piai e Corrado Piccoli su incarico della Fondazione. 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube