Trevisopress

Sabato
21 Luglio
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

CONTARINA. Reintegrato dipendente. Per i trasferimenti ritenuti arbitrari, la Cisl presenta denuncia

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

alt11 APRILE 2018. Il giudice del Tribunale di Treviso ha riconosciuto illegittimo il licenziamento messo in atto da Contarina nel luglio del 2016 nei confronti di un lavoratore che era stato ricoverato in ospedale per gravi motivi di salute durante un periodo di vacanza nel suo Paese d’origine. Il dipendente, che, secondo il comunicato Cisl, aveva regolarmente fatto pervenire in azienda il certificato di ricovero ospedaliero tramite fax inviato da un familiare, era stato licenziato. L’azienda ha sostenuto in un primo momento di non aver ricevuto alcuna comunicazione e, successivamente, che la procedura della comunicazione non fosse corretta.

La Fit Cisl ha impugnato il licenziamento con l’assistenza dell’avvocato Alessio Veggiari e, dopo due anni di grandi difficoltà per il lavoratore, la settimana scorsa è arrivata la sentenza del giudice che condanna Contarina al reintegro, al risarcimento del danno subito e delle spese legali.

Rimane -sempre secondo il comunicato Cisl- ancora aperta la questione del personale illegittimamente trasferito dalla raccolta rifiuti al verde pubblico senza alcun confronto con le O.O.S.S., azione che è costata a Contarina una denuncia per attività antisindacale da parte della Fit Cisl. L’udienza è fissata per il prossimo 26 aprile. Secondo la Fit, l’azienda avrebbe trasferito arbitrariamente un gruppo di lavoratori al servizio verde pubblico (il cui appalto con il Comune di Treviso scadrà in agosto) con l’unico obiettivo di liberarsi di dipendenti con qualche problema fisico, per sostituirli con operatori giovani e con costi minori.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube