Trevisopress

Mercoledì
19 Settembre
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

AMBIENTE. Pfas. Entro fine anno chiuse le indagini

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

alt19 APRILE 2018. “Due buone notizie nel giro di poche ore sul fronte Pfas. Finalmente è in arrivo il nuovo parere dell’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) sulla valutazione del rischio nella catena alimentare dovuto alla presenza di Pfos e Pfoa atteso da tempo e che sarà ufficializzato a metà maggio. Inoltre la procura della Repubblica di Vicenza ha annunciato che entro l’anno chiuderà le indagini per disastro ambientale. Un atto di giustizia dovuto, soprattutto al Veneto e alle migliaia di cittadini che si sono ritrovati con il sangue contaminato da Pfas”. Queste le parole di Andrea Zanoni, Consigliere regionale del Partito Democratico, che si sofferma sulla notizia riguardante l’Efsa che “entro dicembre, darà anche la seconda opinione, relativa ad altri composti Pfas negli alimenti. Credo che la Regione si debba preparare a rivedere l’analisi della catena alimentare, visto che queste sostanze sono presenti con una frequenza sempre maggiore a causa dell’inquinamento ambientale. Se il parere fosse confermato -conclude Zanoni- ci troveremmo di fronte ai livelli guida tossicologici più bassi a livello mondiale e sarà necessario non solo modificare i metodi analitici e i livelli soglia di concentrazione nelle acque e negli alimenti, ma soprattutto le strategie di prevenzione primaria specialmente per quanto riguarda i siti inquinati”. 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 20 Aprile 2018 15:44 )  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube