Trevisopress

Venerdì
17 Novembre
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cronaca Treviso

SAN DONATO MILANESE. Omaggio a Massimo Michielin

SAN DONATO MILANESE. Omaggio a Massimo Michielin
Tra qualche giorno verrà intitolata la Caserma della Polizia Stradale di San Donato Milanese a Massimo Michielin, giovane agente di Montebelluna in servizio presso la Polizia Stradale del Comune lombardo, ucciso nel 2003, a soli 27 anni, sulla tangenziale di Milano mentre era in servizio. La Polizia Stradale di San Donato Milanese ha voluto ricordare il collega, sepolto nel Comune di Montebelluna. “Unitamente all’Amministrazione Comunale – scrive il sindaco al Comandante della Polizia Stradale di San Donato Milanese - desidero manifestare il nostro orgoglio per la scelta di intitolare allo scomparso agente Massimo Michielin la Caserma dove era in servizio. A distanza di anni ricordiamo Massimo per le sue qualità tra le quali spiccano la bontà e l’altruismo che ancora oggi lo fanno sentire presente e per i quali la famiglia lo piange”. Il sindaco purtroppo non potrà essere presente alla cerimonia, tuttavia sottolinea “la profonda stima per il lavoro che il Corpo della Polizia Stradale quotidianamente svolge, mettendosi al servizio del Paese con impegno ed abnegazione, in situazioni spesso assai difficili, come tragicamente ha dimostrato nell’incidente soccorso a Massimo. Anche noi, per parte nostra, lo ricorderemo in futuro, in modo che anche qui, nella sua città, rimanga traccia del suo cammino, così bruscamente interrotto”.
Massimo Michielin aveva 27 anni quel gennaio del 2003 quando fu investito da una macchina che procedeva a forte velocità. Era lì, sulla tangenziale est di Milano, a fare il suo dovere di agente scelto. C’era stato un incidente, una macchina era bloccata lungo la strada, stava collocando delle torce per segnalare la presenza della vettura incidentata agli automobilisti in transito quando è stato investito e ucciso, mentre il collega è stato ferito. Massimo Michielin era stato insignito della medaglia d’oro al valore civile alla memoria dall’allora Presidente Ciampi. (Roberta Camillo - Ufficio Stampa)
 

CARABINIERI. Recuperati due chili d'oro da una nomade

CARABINIERI. Recuperati due chili d'oro da una nomade
Alle prime ore dell’alba di oggi, nell’ambito di un servizio preventivo disposto dal Comandante Provinciale Carabinieri di Treviso col. Fabrizio Bernardini, volto a contrastare il fenomeno della commissione dei c.d. reati predatori e quello ancor più grave della ricettazione dei beni rubati, i Carabinieri del  Nucleo Investigativo del Comando Provinciale hanno eseguito una mirata attività nei confronti dei cittadini di etnia ROM stanziali nella città di Treviso. Al servizio hanno partecipato anc...

QUESTURA/4. Fermati tre romeni ladri in abitazioni e cantieri

QUESTURA/4. Fermati tre romeni ladri in abitazioni e cantieri
Il terzo intervento ha avuto come teatro la zona tra Zero Branco e Mogliano Veneto, ed ha come conclusione alle ore 7 di questa mattina il fermo di polizia giudiziaria per tre romeni: Bogdan Dragos Neagoe, Ionut Petre Mosor e Victor Mihai Sultana, questi due senza fissa dimora, in movimento nel territorio della Marca con una Bmw nera targata Romania. Da tempo erano controllati dalla Polizia perché sospetti. A Campocroce di Mogliano i tre hanno sc...

QUESTURA/3. Stupefacenti in tasca, e anche in casa dentro le scarpe

QUESTURA/3. Stupefacenti in tasca, e anche in casa dentro le scarpe
Il secondo arresto è avvenuto circa alle 17,30 di ieri in via Venanzio. Gentil Jordan, classe 1990, nato e residente a Treviso in viale Cairoli, all’avvicinarsi di una volante della Questura ha cercato di dileguarsi. È stato bloccato, aveva con sé stupefacenti. La perquisizione eseguita nella sua abitazione ha rivelato la presenza di circa 40 grammi di stupefacenti, bene nascosti con nastro adesivo all’interno della tomaia delle scarpe. Studente, di nazionalità statunitense oltre che italiana, a...

QUESTURA/2. Furto con rissa al Pam; Casati in carcere

QUESTURA/2. Furto con rissa al Pam; Casati in carcereIl primo arresto è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri (erano le 17,10) al Pam di via Zorzetto in città. Vincenzo Casati, classe 1963, originario di Taranto è stato sorpreso a rubare all’interno del supermercato ed è stato bloccato da un addetto alla sorveglianza, ma dopo una colluttazione è riuscito a fuggire. Nel frattempo era stato allertato il 113 e una pattuglia della Polizia è intervenuta sul luogo, riuscendo ad aver ragione   del Casati che aveva di nuovo colpito la guardia giurata. Pluri...
Pagina 906 di 907

Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube