Trevisopress

Sabato
16 Dicembre
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Montebelluna-Asolo

CASTELCIÈS. Chiesetta profanata

CASTELCIÈS. Chiesetta profanata

15 NOVEMBRE 2017. Profanata da vandali la storica chiesetta di San Martino a Castelciès al termine dei festeggiamenti. Rubate le offerte lasciate dai visitatori (dai 30-50 euro), rubata la penna e sul registro dei visitatori scritte frasi scurrili…Purtroppo non è la prima volta che lo storico sacello viene preso di mira dai vandali. Ma questo episodio ha sicuramente lasciato il segno tra i membri del comitato festeggiamenti di Castelciès che hanno appena terminato l’organizzazione di tre giorni di festa in occasione di San Martino a cui è dedicata la chiesetta dell’anno mille su resti del sesto secolo avanti Cristo. Chiesetta che è rimasta aperta per tre giorni dal mattino sino alle 19 circa di sera. Così anche domenica, ultimo giorno del trittico di sagra che ha fatto registrare una partecipazione record con grande soddisfazione degli organizzatori.

 “Penso di essere andato a chiudere la chiesetta verso le 21 -spiega Floriano Sartor, custode e guida. Quando sono entrato ho visto che erano spariti i soldi dal cestino proprio vicino alla porta, hanno lasciato 3 centesimi, sparita la penna e poi quello che più ci ha fatto male, quelle scritte offensive e scurrili sul libro delle presenze”. Infatti al comitato festeggiamenti, più che le offerte in sé, che comunque servono per finanziare il mantenimento del luogo, hanno fatto male quelle scritte e quel profanare un luogo sacro e storico. “Si è trattato di una cosa vergognosa e grave -spiegano dal comitato- ìed è sinonimo di mancanza ìdi rispetto".

I festeggimenti di San Martino vengono organizzati proprio per ricordare il santo, ma anche per reperire fondi per il mantenimento di questa struttura ed anche per fare beneficenza in parrocchia. In programma infatti ci sono dei lavori di restauro esterno e probabilmente anche l’installazione della videosorveglianza.  Gabriele Zanchin

 

POSSAGNO. All'asta un'opera del Canova ritenuta perduta

POSSAGNO. All'asta un'opera del Canova ritenuta perduta

14 NOVEMBRE 2017. Viene alla luce un busto in marmo di Gioacchino Murat del Canova che si pensava perduto. Il 28 novembre prossimo la celebre casa d’aste Christies lo metterà all’asta a Parigi. Ed è proprio in occasione di questa “battuta” che è emersa la notizia e cioè il ritrovamento di quest’opera che da tutti, esperti compresi, era considerata persa, introvabile dal 1813, anno in cui Canova l’ha realizzata, ad oggi. A Possagno infatti viene conservato il calco in gesso che, indirettamente ha...

FONTE. Un coltello in auto

FONTE. Un coltello in auto

14 NOVEMBRE 2017. (gz)Un cittadino di aspetto normale, tranquillo, risultato anche incensurato ma…Ma viaggiava con un coltello di quasi 60 cm all’interno dell’auto. Questo quanto hanno scoperto i carabinieri di Fonte che hanno denunciato un cittadino moldavo di 42 anni residente in zona. L’uomo è stato denunciato per possesso illegale di oggetti atti ad offendere. Il tutto durante un controllo dei carabinieri di Fonte in via Monegrappa, verso le 13 è stata fermata un’auto con un uomo a bordo. L’...

FONTE. Incidente. Anziano 'miracolato'

FONTE. Incidente. Anziano 'miracolato'

10 NOVEMBRE 2017. A 83 anni è stato sbalzato dall’abitacolo del camioncino dopo lo scontro con un altro camion: miracolosamente illeso. L’incidente è successo ieri mattina a Fonte alto ed il protagonista è A.T. 83 anni di Rossano Veneto proprietario del camioncino che trasportava tre maiali. Sul posto i vigili del fuoco di Castelfranco, il Suem 118 di Crespano e gli agenti della polizia locale della pedemontana per dirigere il traffico. L’incidente è successo intorno alle 9 in via Crespano all’a...

ONE' DI FONTE. Ruba al Famila e trova i carabinieri ad attenderla

ONE' DI FONTE. Ruba al Famila e trova i carabinieri ad attenderla

10 NOVEMBRE 2017. Ha detto che non aveva soldi per acquistarsi capi di abbigliamento ma si pensa invece sia una ladra seriale. Tutto questo nonostante la quarantacinquenne denunciata per furto aggravato di carabinieri della stazione di Fonte, fosse incensurata. Lei, ladra solitaria aveva messo nel mirino il reparto abbigliamento del supermercato Famila di Onè di Fonte in via Asolana. L’altro giorno ha deciso di rifarsi il guardaroba ed ha cominciato a girare tra gli scaffali dell’abbigliamento a...

Pagina 3 di 649

Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube