Trevisopress

Venerdì
21 Luglio
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Oderzo-Motta

MOTTA DI LIVENZA. I Carabinieri arrestano cinque stranieri irregolari

MOTTA DI LIVENZA. I Carabinieri arrestano cinque stranieri irregolari

VENERDI 29 GENNAIO 2016 - Ieri sera i militari della stazione di Motta di Livenza hanno arrestato un cittadino marocchino di 27 anni che, durante un controllo, ha dichiarato delle false generalità. Insospettiti dall’atteggiamento, e dopo aver proceduto al foto segnalamento, è emerso che, sotto il vero nome fornito dalle impronte, era pendente un provvedimento di respingimento e abbandono del territorio dello Stato italiano emesso dal Questore di Agrigento nel dicembre del 2015. Stamattina, nel corso dell’udienza di convalida a Treviso, è stato convalidato l’arresto e fissata l’udienza a novembre di quest’anno con successiva accompagnamento in Questura ove è stato notificato un ordine di uscire dallo Stato entro 7 giorni. Domenica scorsa, sempre i carabinieri di Motta di Livenza, avevano arrestato un 30enne marocchino sempre per lo stesso motivo, perché aveva dichiarato falsamente di chiamarsi in un modo, mentre gli esiti delle impronte digitali hanno consegnato la sua vera identità. Nell’ultimo periodo, sempre nell’ottica di contrastare la presenza sul territorio di persone pericolose, sono stati arrestati altri soggetti. A novembre due marocchini di 30 e 35 anni a Motta di Livenza avevano dichiarato false generalità ai Carabinieri, per nascondere un provvedimento di espulsione emesso, nel mese di ottobre, dal Questore di Vibo Valentia. Mentre, pochi mesi prima, i Carabinieri del N.O.R., in Oderzo, avevano tratto in arresto T.N., il 28enne romeno facente parte della banda dei romeni finiti in carcere con associazione per delinquere finalizzata ai furti assieme ai due fratelli di San Polo di Piave perché, anche lui in quel caso, aveva mentito durante la sottoscrizione del documento di attestazione sulla identità; ciò allo scopo di nascondere il fatto che era sprovvisto di patente mentre era alla guida dell’auto su cui viaggiava unitamente al resto della banda finita poi in carcere. Con l’entrata in vigore della Legge 17 aprile 2015, n. 43 recante misure urgenti per il contrasto del terrorismo, anche di matrice internazionale, sono stati intensificati i controlli da parte dei carabinieri della Compagnia di Conegliano su tutto il territorio.

 

ODERZO. Il Cup chiude per San Tiziano

ODERZO. Il Cup chiude per San Tiziano

14 GENNAIO 2016. Sabato 16 gennaio prossimo, in occasione della solennità di San Tiziano, Santo Patrono di Oderzo, gli sportelli del Centro Unico Prenotazioni opitergino (Sede di via Luzzati, 45) rimarranno chiusi.  Domenica 17 gennaio sarà aperto regolarmente il Centro Prelievi dalle 8.00 alle 9.30, offrendo la possibilità di eseguire tutti gli esami clinici, tranne quelli non previsti nei giorni festivi per particolare complessità.

FONTANELLE. Mille ore di volontariato dell'Ass. Carabinieri

FONTANELLE. Mille ore di volontariato dell'Ass. Carabinieri

1 DICEMBRE 2015.  La sezione di Fontanelle, Mansuè e Portobuffolè dell'Ass. Nazionale Carabinieri, guidata dal Car. Aus. Albino Rui, fra le più importanti della provincia con oltre 120 iscritti, continua ad esprimere il proprio ruolo istituzionale e di volontariato, raggiungendo quest'anno oltre 1.000 ore di servizio prestato dai suoi soci in attività di supporto alle forze di polizia locali.  Il 28 novembre scorso si è tenuta la tradizionale cena in occasione della festa della Virgo Fidelis patro...

PORTOBUFFOLE'. Tentano di spendere soldi falsi. Fermate

PORTOBUFFOLE'. Tentano di spendere soldi falsi. Fermate

25 NOVEMBRE 2015.  Avevano tentato di acquistare dei fiori presso a Portobuffolè con una banconota da 100 euro falsa, ma non sono riuscite nel loro intento, anche perché la titolare non ci aveva visto chiaro in quelle due donne, madre e figlia ucraine di 41 e 22 anni. Ed in effetti è stata decisiva la sua prontezza nel chiamare il 112 che ha fatto sopraggiungere la pattuglia dei Carabinieri di Fontanelle i quali, grazie alla descrizione dell’auto con la quale le due donne si sono allontanate ed all...

CAESSALTO. Carabinieri arrestano un giovane del luogo

CAESSALTO. Carabinieri arrestano un giovane del luogo

18 NOVEMBRE 2015.  I carabinieri di Cessalto e di Motta ieri sera hanno individuato dentro un bar di Cessalto un giovane 28enne del posto  e l'hanno fatto uscire per controlli.  Il giovane ha subito tentato di disfarsi di una tavoletta di hashish che teneva nella tasca del giaccone; ma il movimento è stato notato da uno dei carabinieri che ha recuperato un pezzo del panetto che nel frattempo si era diviso in due.  Nel corso della perquisizione seguita nella sua abitazione, sono stati trovati altri ...

Pagina 8 di 82

Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube