Trevisopress

Sabato
22 Settembre
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Regionale

INCIDENTE MACCAN. Manette a Adriano Pez. Erano dovute?

INCIDENTE MACCAN. Manette a Adriano Pez. Erano dovute?

15 MARZO. L’udienza di convalida dell’arresto di Adriano Pez a oggi non è stata ancora fissata. Resta tuttavia strana la questione delle manette al rappresentante di Codroipo, ed appare meritevole di approfondimento anche solo a livello di riflessione. Infatti, sul luogo del terribile incidente di venerdì 11 marzo a Portobuffolè nel quale hanno perso la vita Guido Maccan, 38 anni e Andrea Perot, 43enne, sono intervenuti gli agenti della Polstrada di Spilimbergo. E’ quindi la Polstrada che possiede i primi elementi dei rilievi che erano ancora in corso al momento in cui Adriano Pez si è presentato alla stazione dei Carabinieri di Prata per dare il suo contributo di informazioni. E’ stato accusato di omissione di soccorso e di omicidio colposo. Ed è stato arrestato con le manette e portato in carcere, dai Carabinieri, non dalla Polizia. C’è una sfumatura da non trascurare sulla questione , ossia il fatto che comma 8 bis dell’articolo 189 del Codice della strada dice che non va arrestato l’utente della strada che si presenti alle Autorità entro le 24 ore dall’evento.
Tutta la dinamica dell’evento è al vaglio del perito l’ing. Zamuner, compresa la ricostruzione del teatro in cui è accaduto. Infatti, l’auto rossa del Pez si è mossa non dal parcheggio direttamente antistante il ristorante, ma da quello contiguo, in direzione Oderzo, e collegato al principale da una corsia in ghiaia parallela all’asse della strada. Anche in quella corsia di raccordo tra i due parcheggi, in ore di punta, sostano delle auto, forse anche al momento dell’incidente, vista l’ora, c’erano auto ferme, rendendo meno evidente la curva. “Noi non nominiamo un perito di parte per il momento”, ha dichiarato l’avvocato Marco Coiz di Udine che assiste Adriano Pez, “né intraprendiamo in questi giorni alcuna iniziativa, anche per il rispetto delle famiglie colpite dal lutto. Attendiamo quello che faranno gli inquirenti. Tocca infatti alla magistratura e ai periti accertare e raccontare quel che è successo”. La vicenda ha avuto anche una forte presa di posizione mediaticamente diffusa da parte del presidente della Regione del Veneto Luca Zaia che, alla prima notizia riguardante la persona che si era presentata dai Carabinieri di Prata, ha parlato di punizioni severe. “E’ una conferma che in democrazia i poteri vanno separati. Sono comunque fiducioso del buon lavoro che gli inquirenti svolgeranno anche in questo caso nella tutela della verità della giustizia e dei cittadini”, ha detto l’avvocato Marco Coiz.

 

ROVIGO. L'800 elegante offre vantaggi per il 16 e il 17 marzo

ROVIGO. L'800 elegante offre vantaggi per il 16 e il 17 marzo

14 MARZO. Una mostra dedicata all'Ottocento e a Mariano Fartuny non poteva non celebrare i 150 anni dell'Unità d'Italia. Tanto più se la mostra si svolge a Rovigo, territorio legato più di altri alle vicende risorgimentali, tant'è che la Carboneria è nata proprio in questa terra, avendo come epicentro Badia Poesine dove, a Villa Badoer, è allestita la mostra su Fortuny junior, parallela alla grande esposizione del Roverella.
Per festeggiare, più che "celebrare" i 150, Fondazione Cassa di Risparmi...

RECLUTAMENTO ALPINI. Il PD ottiene il rinvio in commissione

RECLUTAMENTO ALPINI. Il PD ottiene il rinvio in commissione

14 MARZO. Il Partito Democratico ha  ottenuto il rinvio in commissione di un provvedimento sbagliato, iniquo e privo di fondi: la assurda proposta della Lega di dare incentivi per favorire il reclutamento di militari volontari nei reparti delle truppe alpine ma di darli solo alle regioni dell'arco alpino. La vicenda ha dimostrato innanzitutto che la maggioranza in aula c'è solo per i voti di fiducia, dunque è essenziale la presenza anche di tutti gli esponenti del governo. Appena i ministri e so...

VENEZIA. 4mila persone alla premiazione di Arte Laguna

VENEZIA. 4mila persone alla premiazione di Arte Laguna

13 MARZO. Happening di assoluto successo, la serata di gala del 5° Premio Arte Laguna. Oltre 4000 le persone che hanno affollato le Nappe dell’Arsenale di Venezia per vivere le attese premiazioni dei vincitori, ma anche per assaporare le 100 opere in mostra e assistere alle esibizioni delle 10 performance. Cuore della serata è stato l’annuncio dei vincitori, uno per ogni sezione di concorso che si aggiudicano 5000 euro ciascuno:
per la sezione di pitturail premio va a  Miazbrothers per l’indagine...

SALUTE. Regione. Progetto di legge per il diabete

SALUTE. Regione. Progetto di legge per il diabete

11 MARZO. Sono 250.000 in Veneto i casi di diabete, con un aumento preoccupante di circa 20.000 all’anno. Una patologia in espansione già nell’età pediatrica, a causa soprattutto di stili di vita errati. “Per questi motivi è necessario oggi regolare la destinazione dei 5.000.000 di euro che la Regione già stanzia per il progetto diabete. Abbiamo deciso di farlo con una vera e propria legge che normerà per diversi anni gli interventi specifici sia di cura che di prevenzione di quella che, al mome...

Pagina 368 di 377

Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube