Trevisopress

Mercoledì
20 Giugno
  • Login
  • Registrati
    Registrazione
    *
    *
    *
    *
    *
    I campi con asterisco (*) sono obbligatori
    Captcha plugin for Joomla from Outsource Online
     
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Regionale

CASSOLA. Cadavere non ancora identificato

CASSOLA. Cadavere non ancora identificato

7 NOVEMBRE 2017. Un cadavere sfigurato vicino ai binari del treno: irriconoscibile, senza documenti. Incidente o suicidio? Su questo stanno indagando gli agenti della Polfer di Castelfranco e del dipartimento della Polizia Ferroviaria di Venezia. Ieri mattina la linea Castelfranco-Bassano è stata completamente chiusa per due ore dalle 8.30 alle 10.30 per permettere il sopralluogo ed il recupero del cadavere. A Castelfranco sono state organizzate delle corriere sostitutive fino a Bassano del Grappa mentre sulla linea Castelfranco Venezia i treni hanno viaggiato regolarmente. Ad accorgersi del cadavere o di quello che sembrava un cadavere ieri mattina poco dopo le 8 il macchinista del treno proveniente da Castelfranco e che si stava recando a Bassano del Grappa. Giunto in località Cassola (VI) a pochi metri dal passaggio a livello vicino ai Magazzini Nico ha notato a fianco dei binari qualcosa che poteva assomigliare ad un corpo raggomitolato ed ha dato l’allarme. Immediatamente sul posto sono giunti gli agenti della Polfer di Castelfranco e di Venezia che hanno prima di tutto chiuso la linea ferroviaria per poter effettuare gli accertamenti del caso. Quello che si sa al momento è che si tratta di un uomo, vestito normalmente anche se gli abiti sono stati trovati a brandelli, con il volto irriconoscibile. Non sono stati trovati documenti (età apparente sui quarant'anni) e gli agenti per prima cosa hanno subito avviato le ricerche sia attraverso i canali della Polizia che dei Carabinieri in tutta l’area. A questo punto la domanda è: suicidio o incidente? “Su questo stiamo lavorando-spiegano dal dipartimento Polfer di Venezia-ma prima dobbiamo cercare di dare un’identità al corpo che ancora non abbiamo e nessuno al momento ha denunciato la scomparsa anche per sapere almeno se è italiano o stranieo. Più di questo al momento non si sa”. Tenendo presente che nel pieno della notte non ci sono treni in transito nella tratta Castelfranco-Bassano e viceversa se si è trattato di incidente o suicidio potrebbe essere avvenuto domenica sera oppure ieri mattina presto. 

 

AVIS. Un defebrillatore per Arquata del Tronto

3 NOVEMBRE 2017. Un defibrillatore per la popolazione di Arquata del Tronto (Ap). Primo strumento del futuro poliambulatorio che, anche grazie ad una cordata di solidarietà trevigiana e veneta, diventerà il punto di riferimento per chi ha perso tutto con il terremoto. L’ha donato la Casa di Cura “Giovanni XXIII” di Monastier al presidente dell’Avis provinciale di Ascoli Piceno, Berardino Lauretani, giunto nella Marca con una delegazione di altri rappresentanti associativi. L’incontro è servito a...

CIMA GRAPPA. Quattro salme di militi ignoti tumulate nel Sacrario

CIMA GRAPPA. Quattro salme di militi ignoti tumulate nel Sacrario

31 OTTOBRE 2017. Quattro salme di militi ignoti saranno tumulate giovedì 2 novembre con tutti gli onori nel sacrario di cima Grappa. L’iniziativa è dei Comuni di Crespano e di Paderno del Grappa in collaborazione con il comune di Bassano, la sezione Ana Montegrappa il commissariato generale per le onoranze ai caduti di Roma con il patrocinio del Ministero della difesa. L’appuntamento è previsto per il 2 novembre, giovedì alle 10 con raduno presso il sacello della Madonnina del Grappa dove è prev...

PEDEMONTANA. Interviene la magistratura

PEDEMONTANA. Interviene la magistratura

18 OTTOBRE 2017.  “Avevo ragione a dubitare della Valutazione di Impatto Ambientale sulla Pedemontana, adesso anche la magistratura dice che non si può lavorare in simili condizioni e per evitare rischi chiede di spostare il corso del torrente Poscola per riaprire il cantiere all’imbocco della galleria di Castelgomberto”. Il consigliere del Partito Democratico, e vicepresidente della commissione Ambiente, Andrea Zanoni commenta così le disposizioni della Procura di Vicenza dopo la relazione dei c...

PADOVA. Iniziato il servizio civile per ragazzi con asilo politico

PADOVA. Iniziato il servizio civile per ragazzi con asilo politico

11 OTTOBRE 2017.  Sono 6 ragazzi tra i 20 e i 28 anni, tutti provenienti dall'Africa e con asilo politico già ottenuto i profughi che hanno passato le selezioni e che da oggi sono ufficialmente volontari del Servizio Civile Nazionale in Veneto. Questa mattina la presentazione dei 10 progetti del Servizio Civile Nazionale presentati dal Consorzio Veneto Insieme e da Amesci al Centro Culturale San Gaetano di Padova.  54 in totale i giovani volontari che da oggi sono operativi in 10 progetti, 22  i gi...

Pagina 7 di 373

Seguici su Facebook
Visita il nostro canale YouTube